PAT | BigRock
The Making of

Come si evolve una tesi.

A BigRock le magie prendono forma in tempi rapidissimi.
Non ci si accorge neanche quanto velocemente un progetto,
dalla nascita al completamento, si evolva.
In questa pagina,
vi racconteremo l’evolversi della tesi
del Master in Computer Grafica

Un corto d’animazione, come per qualsiasi altro film che siamo abituati a vedere al cinema o in tv, non è altro che il frutto di un gruppo di artisti che, lavorando assieme, contribuiscono a dare vita a qualcosa di magico.

La fase iniziale è un momento di massima creatività in cui si raccolgono le idee che andranno a definire la sceneggiatura definita dal regista, dai personaggi, alle ambientazioni, fino ai colori principali del cortometraggio.

A seguito dello sviluppo dell’idea progettuale, il lavoro passa nelle mani del reparto dei disegnatori, chiamati Concept Artist. A loro è dato il compito di tradurre le idee in immagini, attraverso il disegno. In questa fase si definiscono forme, colori, luci ed emozioni che dovranno essere rispettate alla lettera dai successivi reparti, a partire dalla modellazione tridimensionale fino agli ultimi ritocchi del reparto di compositing.

LA STORIA

In un tipico paesino del centro Italia, la stanzetta di un bambino è illuminata dalle prime luci del mattino. Sul cuscino, vicino a lui è poggiato un robot giocattolo.
Il robot si sveglia, guarda il bambino e si dirige alla finestra. La finestra si apre e il robot si sporge sul davanzale. Prima di lanciarsi nel vuoto, guarda il bambino un’ultima volta. Qualche tempo dopo nel giardino della casa c’è una montagnetta di terra e una piccola lapide del robot giocattolo. Vicino ci sono altre piccole tombe con le lapidi di altri robot giocattolo che hanno subito la stessa sorte. É un altro giorno e nella cameretta del bimbo scorriamo alcune fotografie, ricordi di alcuni momenti che ha vissuto con i suoi precedenti robot. Sulla stessa mensola vediamo la scatola di un giocattolo nuovo di zecca, il suo nome è PAT ed è ancora ignaro di ciò che lo attenderà. Nuovo giorno, stessa storia che si ripete. Anche PAT, come i suoi predecessori, al risveglio decide di dirigersi verso la finestra. Osservando le gocce di pioggia picchiettare sul vetro ripercorre mentalmente i terribili momenti passati.

L'AUTORE

ADRIANO CANDIAGO

Nato nella provincia di Buenos Aires nel 1984.
Si diploma in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 2013.
Nel cinema ha lavorato come assistente alla regia di Daniele Luchetti, Claudio Giovannesi e Franco Piavoli.
Nel teatro ha collaborato con l’Ondin Teatret Film di Eugenio Barba e per il Teatret OM di Ringkøbing sotto la guida di Chiara Crupi.
Come regista ha scritto e diretto cortometraggi, documentari e videoclip.
Vive a Roma.

CONCEPT DESIGN

PAT

è un robottino giocattolo fatto di latta e plastica, un gioco come tanti, senza nulla di particolarmente spettacolare, ma per il nostro bambino, alla fine, si rivelerà veramente speciale. PAT è il nostro effettivo protagonista, su di lui puntiamo la nostra attenzione, ci affezioniamo e speriamo che per lui non si ripeta la stessa sorte toccata a tutti gli altri giocattoli prima di lui.

IL BAMBINO

é piccolo, ha all’incirca 5 anni. Elemento chiave della trama su cui si compone tutto il racconto è il modo “violento” in cui gioca con i suoi giocattoli, non perché sia cattivo ma perché è il tipico modo che hanno i bambini di interagire con gli oggetti durante i loro primi anni, quelli della scoperta e delle emozioni più forti.

ENVIRONMENT

Le ambientazioni del corto sono solamente tre: uno scorcio del quartiere, il giardino dell’abitazione e la cameretta del bambino. Nonostante siano poche l’impegno che sta dietro alla loro realizzazione è ben visibile per la ricchezza di dettaglio e cura dei particolari.
Lo studio dell’environment esterno è stato elaborato in modo che fosse chiaro di trovarsi in un piccolo Borgo del centro Italia. Lo stile degli elementi modellati è volutamente asimmetrico, l’utilizzo di tinte calde per le case molto assiepate tra loro e sviluppate
in verticale, i tipici panni stesi tra le abitazioni, i san pietrini, la fontana e molte altre accortezze utilizzate forniscono maggiori informazioni riguardo alla location scelta. Per la cameretta del bambino si è scelto di mantenere palette calde e riempirla di giocattoli e dei più disparati oggetti, d’altronde chi può dire di aver avuto una camera ordinata da bambino?

MODELING, SHADING & TEXTURING, LIGHTING

MODELLAZIONE
Tutti i concept passano al reparto di modellazione che si occupa di dare volume ai disegni. Naturalmente rispettando la corretta topologia delle superfici e il giusto numero di poligoni per non appesantire troppo le scene.

SHADING e TEXTURING
I modelli vengono studiati in ogni piccolo dettaglio. Si preparano le superfici e il loro rapporto con la luce, per realizzare dei materiali che siano credibili e verosimili.

LIGHTING
Tutte le scene composte vengono illuminate cercando di ottenere un risultato più vicino possibile alla ColorKey realizzata dal reparto di Concept. Quindi si cerca di usare una luce che abbia intensità e colore giusti. La Storia di Pat si svolge in un momento particolare della giornata che è l’alba, quindi i Lighters hanno dovuto scontrarsi con questa particolare fase di luce. Il risultato è spettacolare.

ANIMAZIONE E RIG

Tutto quello che deve essere animato viene prima settato con un sistema di ossa e controlli che permetterà agli animatori di muovere come marionette i nostri personaggi 3D. Per gli animatori la difficoltà più grande è stata riuscire a rendere espressivo un robottino senza espressioni facciali, ma Pat risulta sempre vivo ed empatico, quindi … obbiettivo raggiunto.

COMPOSITING

Tutto il materiale che viene prodotto da tutti i reparti precedenti viene raccolto dal reparto di compositing che mette insieme tutti i livelli per ottenere le immagini finali, compresi gli effetti aggiuntivi. Per esempio la pioggia è un effetto che è stato aggiunto dopo in compositing grazie a software come After Effects.

CREDITS

I Titoli di coda sono una parte importante perché mostrano, nel nostro caso in uno stile flat con animazioni realizzate totalmente in 2D, non solo tutte le figure che hanno lavorato alla realizzazione di questa storia ma anche qualità tecniche diverse rispetto a quelle utilizzate nel corto.

MAKING OF

*La pre-iscrizione non è vincolante.

Ad oggi ci sono

75

Posti disponibili.

10 Settembre 2018

La prossima edizione.
Salta a bordo!

6400€ + iva

Ora disponibile con finanziamento

Confronta i Master

Le informazioni da sapere
per iniziare la tua avventura.

Siamo qui per te

Hai domande da porci?
Non esitare a contattarci!


BigRock Institute of Magic Technologies - Via Sile 51, 31056 Roncade, Treviso
Facebook | Instagram | Youtube | Vimeo | Twitter
informativa sull'utilizzo dei cookie